Salute del bambino

20.11.2017

Lo svezzamento

Con lo svezzamento di solito si inizia a circa 6 mesi. I nuovi sapori li possiamo introdurre in diversi modi. Al bimbo possiamo preparare un mix di frutta passata, altri invece preferiscono la verdura cotta e passata, diversi cereali, legumi e riso o carne e pesce.

Con cosa hai cominciato tu? Cos'è piaciuto di più al tuo bimbo?

Scrivi la risposta

Come ti prendi cura della pelle del bimbo d'estate?

Godersi i raggi di sole estivi può essere anche rischioso. La pelle delicata, fine e sensibile del bambino viene esposta al sole e alle punture di insetti. Come proteggi i più piccoli?

Scrivi la risposta
25.7.2017

Il biberon e l'allattamento

L'allattamento non è facile per tutti. Anche se l’allattamento viene altamente consigliato e alcune mamme che non allattano vengono criticate è giusto parlare apertamente del biberon. Per alcune mamme l’allattamento è troppo doloroso e faticoso, altre non hanno tempo, non hanno latte oppure semplicemente non lo fanno per scelta. Sei una di quelle che non allattano? Cosa ti ha spinto a fare questa scelta?

Scrivi la risposta
10.7.2017

Possiamo influire sul gusto del bambino?

I genitori ovviamente vogliamo influire sull'alimentazione del bambino, però dobbiamo tener presente che i desideri del bambino cambiano e che su questi possono influire anche le persone e l'ambiente nel quale vive il bambino. La miglior influenza è spesso l'esempio dei genitori, cioè la corretta alimentazione dei familiari. Stai attenta alla giusta alimentazione e al cibo che porti in tavola?

Scrivi la risposta

Pappa per i bimbi dopo i 6 mesi d'età

Prendi un quarto di tazza di fiocchi d'avena, aggiungi una mela sbucciata e tagliata e un bicchiere d'acqua. Fai cuocere in modo da farlo diventare più morbido e poi frullalo. Volendo puoi aggiungere un po' di succo di frutta o cannella se pensi che il bimbo sia pronto :)

 

Scrivi la risposta

Stai combattendo la dermatite atopica?

Se il tuo piccolo ha la dermatite atopica, è consigliabile utilizzare prodotti cosmetici a pH neutro. Poiché l'avena dovrebbe lenire l'irritazione della pelle, si consiglia di aggiungerla al bagnetto assieme alla sua acqua di cottura. Hai forse qualche ricetta o stratagemma che ti aiuta a combattere la dermatite atopica?

Scrivi la risposta
25.11.2016

Il ruttino dopo la poppata è obbligatorio?

Dopo l'allattamento aspettiamo che il neonato faccia il ruttino tra le nostre braccia, con il piccolo mento adagiato sulla spalla. Il riflesso digestivo nel piccolo, a volte, può verificarsi già durante il pasto, spesso a pochi minuti dopo l'assuunzione del cibo. Può anche darsi che il piccino non faccia il ruttino poiché fare il ruttino non è obbligatorio, l'importante è solo aspettare senza metterlo a letto troppo presto. Il tuo tesorino aveva un riflesso digestivo molto forte?

Scrivi la risposta

Lavare i dentini

Lavarsi i denti è un'abitudine importante che bisogna trasmettere ai bambini molto presto per prevenire la formazione di carie ed evitare continue visite dal dentista. Con lo sviluppo dell'intero  corpo del bambino, crescono e si sviluppano anche le gengive e i denti che richiedono diversi  approcci e tipi di cura. 

Dalla nascita fino ai 6 mesi di vita è consigliabile massaggiare e lavare le gengive del piccolo con un panno di cotone inumidito.

Tra i sette e i dodici mesi possono spuntare i primi dentini ed è perciò necessario iniziare a lavarli con uno spazzolino, il più morbido possibile, e senza dentifricio perché contiene fluoro. È molto più facile prevenire la carie evitando di fare assumere zucchero al piccolo.

Tra il primo e il secondo anno di vita è necessario lavare i denti due volte al giorno con un'aggiunta minima di dentifricio facendo capire al piccolo che non deve ingoiarlo bensì  sputarlo fuori.

Fino ai cinque anni di età è bene introdurre l'uso del filo interdentale, che diventerà un'abitudine anche più tardi, quando il piccolo metterà i denti permanenti. È consigliabile cambiare lo spazzolino da denti ogni tre mesi. In seguito è possibile insegnare al bambino anche a pulirsi la lingua. Piano piano il piccolo, grazie al vostro aiuto, diventerà sempre più autonomo ma coscienzioso nel lavarsi i denti e manterrà l'abitudine di pulire accuratamente i denti per tutta la vita. Hai dovuto combattere per far lavare i denti al tuo piccolo? Dovete comunque andare  spesso dal dentista?

Scrivi la risposta

Cellule staminali

Durante tutta la vita, le cellule staminali svolgono il compito di rigenerare i tessuti degli organi e possono sostituire le altre cellule, che sono state distrutte per via dell’invecchiamento, malattie o lesioni. Dopo il parto si lega il cordone ombelicale, il che trattiene il sangue nelle sue vene e nella placenta. Solo dieci anni fa questo sangue veniva gettato via, recentemente gli scienziati hanno scoperto che questo sangue, nonché il midollo osseo, ha la possibilità di produrre nuove cellule. Visto che le cellule staminali provenienti dal cordone ombelicale non contengono malformazioni o mutazioni genetiche ambientali, che appaiono durante il percorso della vita, o cambiamenti epigenetici dovuti all’invecchiamento, è dimostrato che sono addirittura più consistenti del midollo osseo e possono curare molte malattie e malformazioni in età adulta. Il processo del prelievo delle cellule staminali è molto semplice e non doloroso sia per la mamma che per il bebè – il prelievo viene effettuato quando il bambino è appena nato e il cordone ombelicale è ancora attaccato alla placenta. I prezzi di conservazione in apposite banche all’estero girano intorno ai 2 mila euro per circa 20 o 25 anni,  il pagamento può essere rateizzato.

Cosa  pensi sulla conservazione delle cellule staminali, stai pensando di conservarle per tuo figlio o figlia?

Scrivi la risposta
18.4.2016

Omeopatia per bambini

L'infanzia spesso non è ideale. Un tempo i bambini a scuola venivano puniti, oggi invece sono sottoposti a stimoli competitivi sempre più forti per mostrarsi in una luce migliore davanti ai genitori ma anche per raggiungere le ambizioni di questi ultimi. Tutto ciò può portare a irrequietudine e angoscia nel bambino che si riflettono in diversi disturbi comportamentali. Per questo, i genitori di molti paesi d'Europa decidono di aiutare i loro bambini con l'omeopatia che non dovrebbe provocare effetti collaterali e non è così dannosa per lo sviluppo del delicato corpicino del piccolo. Gli effetti più positivi della pratica dell'omeopatia sono l'eliminazione dell'iperattività infantile, l'aggressività, l'affaticamento, le paure e si sentono tra quei bambini che hanno problemi a socializzare con i loro coetanei.

Hai qualche esperienza con l'omeopatia e l'alleviamento di certi disturbi nella vita del tuo pulcino? Confidaci il tuo parere!

Scrivi la risposta