Cura del neonato

Cura del neonato

Il neonato che la mamma riceve sul seno sembra piccino, delicato e fragile. Molti genitori si spaventano perché non sono sicuri se sapranno prendersi cura di una creatura così minuscola. Ma niente paura! Non solo ce la farete, ma ve la caverete alla grande. Imparerete insieme cosa vi sta bene e cosa no. Il neonato dormirà molto, perciò approfitta delle ore di sonno. Prova anche ad allattarlo sdraiata. Riposa insieme a lui dopo il parto e riprendi le forze per le settimane a venire.

Primo controllo

Il neonato viene controllato immediatamente dopo il parto. Nel primo e nel quinto minuto di vita il neonato viene infatti valutato secondo un metodo standardizzato, chiamato l’indice di Apgar, il cui massimo valore è di dieci punti, ma già sei sono sufficienti. Se il punteggio è inferiore può anche significare che il piccolo abbia bisogno solo di qualche ulteriore aiuto o controllo. Mentre lo stanno sistemando, il neonato viene accuratamente misurato. Si segnano il peso, la lunghezza e la circonferenza della testa. Viene inoltre controllato il torace, la spina dorsale, l’addome, i fianchi e l’udito.

È pratica comune che il neonato riceva anche la vitamina K, che contribuisce alla corretta coagulazione del sangue. Se nella famiglia esistono portatori potenziali o confermati di questo virus, il neonato può essere vaccinato contro l’epatite B. Questo lo deciderai in ospedale. Eventuali esami del sangue subito dopo il parto vengono effettuati su un campione prelevato dal tallone del neonato.

Come lavare il neonato

Sono pochi i neonati il cui moncone ombelicale cada prima che lascino l’ospedale. Questo significa che l’ombelico del neonato ha bisogno di cure particolari a casa. Fino a quando il cordone ombelicale non cade completamente, va curata la sua pulizia quotidiana per prevenire eventuali infezioni.

Quando lo cambi, i pannolini monouso vanno ripiegati così da non coprire il moncone. In questo modo fai sì che la pelle intorno al moncone prenda aria, prevenendo allo stesso tempo che il moncone venga a contatto con il pannolino bagnato. In questo modo il moncone cadrà prima.

Fino a quando questo non avviene, è opportuno evitare il bagnetto. Puoi comunque lavare il neonato in una stanza calda su un asciugamano caldo con un pezzo di cotone o una morbida spugna bagnata in acqua calda. Inizia con il viso e la testa, lava poi le braccia, la pancia e la schiena, continua con le gambe e infine pulisci il sederino e la zona genitale. Dopodiché asciugalo bene, prestando particolare attenzione alle pieghe sotto il collo e intorno alle articolazioni delle braccia e delle gambe. Infine vestilo con vestiti caldi e puliti, adatti alla stagione dell’anno e alla temperatura nella casa. Dopo averlo lavato, aspetta un po’ prima di uscire.