Nono mese

Nono mese

Il bambino ha probabilmente addestrato le mani al punto da padroneggiare la cosiddetta presa a pinza ovvero la presa con il pollice e l’indice. Se non è ancora successo, accadrà presto. Da quel momento in poi avrai in casa un vero e proprio ispettore sanitario. Noterà infatti il più piccolo pezzo di sporcizia o la più minuta briciola, la prenderà in mano con tanta dedizione e con ancora più cura la porterà in bocca – il gusto infatti lo aiuta tuttora a esplorare il mondo. Man mano smetterà di mettere le cose in bocca, solo per poi venirti a mostrare tutto quello che troverà, come se ti volesse ricordare che dovresti passare più volte l’aspirapolvere.

Oggetto transizionale

In questo periodo molti bambini hanno il proprio peluche preferito, senza il quale non vogliono addormentarsi e se lo portano dietro tutto il giorno. Il giocattolo è probabilmente già tutto sporco e insalivato, ma è pur sempre il numero uno. Questo oggetto transizionale offre al piccolo la consolazione che altrimenti trova da te e lo aiuterà a emanciparsi gradualmente, quindi non c’è alcuna ragione per preoccuparti di questo smisurato affetto. Lo aiuterà anche ad adattarsi all’asilo, se lo frequenterà.

Indipendenza al tavolo

Alcuni bambini mostrano presto interesse a mangiare da soli. Si tratta di un esercizio di indipendenza che va coltivato. Il bambino non si sazierà ancora da solo, acquisirà tuttavia importanti capacità motorie. È quindi una buona soluzione preparargli un paio di bocconcini morbidi che potrà portare in bocca da solo ogni volta quando gli dai da mangiare.

Le favole ci vogliono

Le favole e i libri illustrati devono essere una parte indispensabile della vita del piccolo. Non c’è bisogno di limitarsi solo alla routine prima della nanna. Puoi leggerli a qualunque ora, magari quando desideri un momento di tranquillità e un po’ di coccole. I migliori libri illustrati sono quelli con pagine rigide e illustrazioni grandi e colorate. Il bambino li osserverà volentieri e sarà ancora più felice se potrà sfogliarli da solo, il che è un ottimo esercizio per stimolare la motricità fine.

Qual è il libro preferito del tuo piccolo? Scrivilo nel diario!